Regolamento Biblioteca

Le finalità della Biblioteca, espressione dell’Associazione, sono quelle di diffondere la conoscenza e la memoria del mondo concentrazionario: deportazione, prigionia, internamento, guerra di Liberazione, Resistenza, per non disperdere il patrimonio documentario raccolto, e per garantirne la conservazione e il costante incremento.

Apertura:

Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì

09.30 – 13.30
09.30 – 13.30
09.30 – 16.30
09.30 – 13.30
09.30 – 13.30

Qualsiasi interruzione del servizio sarà comunicata tempestivamente al pubblico.

Servizi di lettura e consultazione
E’ necessario rivolgersi al personale, muniti di un documento d’identità valido, per la registrazione dei propri dati e la compilazione della scheda di consultazione.
La sala consultazione è a disposizione degli utenti per lettura, studio e ricerche sulle raccolte della Biblioteca. Sono disponibili N°8 postazioni individuali per la consultazione di testi o documenti multimediali.

Servizio di prestito
Per richiedere il prestito è necessario rivolgersi al personale, muniti di un documento d’identità valido, per la registrazione dei propri dati e la compilazione della scheda di prestito.
È consentito il prestito di un volume alla volta. La durata del prestito è di 7 giorni ed è possibile una proroga di altri 7 giorni a partire dalla data di scadenza, qualora il testo non sia già stato richiesto da altri. I lettori sono tenuti a restituire i documenti nei termini previsti e nello stato di conservazione in cui sono stati ottenuti in prestito e l’eventuale danno dovrà essere risarcito nella misura del valore del documento smarrito o danneggiato. Se il libro viene sottolineato ed è recuperabile, il responsabile del danno è tenuto a cancellarlo o sostituirlo con una copia nuova. In caso di rifiuto verrà applicata la sospensione fino alla risoluzione del danno.
L’utente che smarrisca o danneggi, anche parzialmente, un documento ricevuto in prestito è tenuto a provvedere alla sua sostituzione, in accordo con le indicazioni dei Bibliotecari.
La Biblioteca rimane proprietaria del documento danneggiato.
Il Direttore ha facoltà di richiedere, per eccezionali motivi, in qualsiasi momento, la restituzione immediata di un documento concesso a prestito, anche qualora il prestito non sia scaduto. I documenti multimediali vengono concessi in prestito esclusivamente a scuole, enti e associazioni.

La Biblioteca effettua Document Delivery e Prestito Interbibliotecario, nel rispetto della normativa sul Diritto d’Autore (Legge n. 633 del 22/4/1941 e successive modifiche). Sono esclusi i documenti che possono subire danno dalla fotocopiatura e tutti i materiali multimediali. L’utilizzo dei documenti forniti dovrà essere strettamente personale e unicamente per attività di studio. La richiesta si può effettuare tramite telefono, fax, e-mail, posta.

I dati degli utenti sono conservati nel rispetto delle norme relative al diritto alla privacy: D.L. 30/06/2003 n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali, noto impropriamente anche come “Testo unico sulla privacy” e successive modifiche.